martedì 05 Febbraio, 2013

Povia, da “I Migliori Anni” a Leichic. Ecco l’intervista


Povia è uno dei protagonisti “I Migliori Anni”, il programma presentato da Carlo Conti e in onda ogni sabato in prima serata su Rai Uno. Una delle novità del programma è “Canzonissima”, la vetrina dedicata alle canzoni che hanno fatto la storia della musica italiana negli anni ’60, ’70, ’80 e ’90. In particolare, Povia, […]


Povia è uno dei protagonisti “I Migliori Anni”, il programma presentato da Carlo Conti e in onda ogni sabato in prima serata su Rai Uno. Una delle novità del programma è “Canzonissima”, la vetrina dedicata alle canzoni che hanno fatto la storia della musica italiana negli anni ’60, ’70, ’80 e ’90. In particolare, Povia, Alexia, Luca Barbarossa, Marco Masini, Enrico Ruggeri, Paola & Chiara, Mietta e Karima danno voce alle più belle e significative canzoni dell’epoca attraverso una rilettura più attuale, facendo rispendere i vecchi motivi di quegli anni. Ad ogni interprete viene affidato un brano e in ogni puntata ognuno di loro propone un proprio inedito. Noi abbiamo intervistato Povia, il cantante che ha conosciuto il successo nel 2005 grazie al brano “I Bambini Fanno Oh” e che, nello show di Rai Uno, ha presentato il brano “Siamo Italiani”. Ecco la sua intervista.

Quale decennio musicale ti rappresenta di più? Perché?
Ho seguito molto Baglioni, Vasco e Luca Carboni ma li ho scoperti negli anni 80 quindi sono quelli gli anni che mi hanno formato sia artisticamente che moralmente. Amo i cantautori a 360 gradi perché sono quelli che hanno la capacità di parlare di qualunque cosa senza paura di perdere consensi.

Il tuo stile nel vestire potrebbe essere definito casual: ti ispiri a qualche brand italiano nel creare il tuo look?
Mah..mi ispiro alla giornata e allo stato d’animo. Si sono casual anche quando mi vesto un po’ più elegante ma mi piace sempre darmi un tono anche con i colori e con gli accessori.

Il tuo inedito è un inno al nostro Belpaese, in cosa pensi debba cambiare il cittadino italiano per aiutare il paese a risollevarsi in questa difficile situazione di crisi?
Non è il cittadino che deve cambiare, al massimo è il cittadino che non deve farsi cambiare. A buon intenditor..

Con quale degli altri concorrenti vorresti confrontarti? Perché?
Con nessuno perché qui a “I Migliori Anni” non è una sfida di canzoni inedite ma un raccontare la musica degli anni 60 70 80 90 (ride, ndr)

Sappiamo che parte dei proventi ricavati grazie al tuo successo “I bambini fanno oh” sono serviti per la costruzione di un ospedale in Darfur. Sei ancora attivo nel sociale?
Si ogni anno faccio qualcosa di tasca mia ma non faccio pubblicità.. lo faccio solo perché mi è stato dato tanto e allora mi fa stare bene aiutare qualcuno.

Due pregi e due difetti che il pubblico che ti segue ancora non conosce di te.
Tantissime persone non mi conoscono e arrivano ai concerti con molti pregiudizi poi però cambiano idea e si complimentano. Il pregio è che essendo una persona alla mano vengo apprezzato e ascoltato in modo attento e sempre piacevole. Almeno credo (ride, ndr).

Grazie Povia e in bocca al lupo per tutto!

LEGGI L’INTERVISTA AD ALEXIA


Loading...

Articoli correlati


Stash lutto in famiglia il dolore del giovane cantante dei The Kolors
Musica
Laura Pausini seno enorme in costume al mare ma è rifatto?
Donna Vip, Musica
Paolo Vallesi dramma e lutto in famiglia una perdita grave per lui
Musica
Baby K o canti o balli oppure fai bene il play-back, l’accusa dei fan
Musica
Belen e Stefano la gravidanza e le vacanze possono aspettare arriva Castrocaro
Musica
Silvia Provvedi scatto sexy al mare prima del matrimonio con Giorgio
Love Story, Musica