venerdì 15 Febbraio, 2013

I più sexy del Festival di Sanremo: flop per Mengoni, scappatella con Annalisa Scarrone


Nelle fantasie delle telespettatrici è flop per Mengoni “poco macho” e Francesco Silvestre (Modà). Per gli uomini, invece, non convince il look “artefatto” di Malika Ayane. In pieno clima sanremese, è già scattato il toto-vincitore. Già da qualche settimana, i bookmakers azzardano le prime previsioni non senza tentennamenti: Malika Ayane contro Chiara Galiazzo, Modà contro […]



Nelle fantasie delle telespettatrici è flop per Mengoni “poco macho” e Francesco Silvestre (Modà). Per gli uomini, invece, non convince il look “artefatto” di Malika Ayane. In pieno clima sanremese, è già scattato il toto-vincitore. Già da qualche settimana, i bookmakers azzardano le prime previsioni non senza tentennamenti: Malika Ayane contro Chiara Galiazzo, Modà contro Mengoni. A stravolgere le quote sui favoriti della kermesse arrivano i dati raccolti da Ashleymadison.com, leader del dating extraconiugale. Ad essere premiati non sono il talento artistico o le qualità canore ma il sex appel dei concorrenti: sono Raiz, voce degli Almamegretta e Annalisa Scarrone le “scappatelle ideali” del Festival.

L’indagine rivela che per le donne di Ashleymadison.com, Gennaro Della Volpe, in arte Raiz, è il sex simbol per eccellenza tra i concorrenti in gara. Classe ’67, originario di Napoli, con il 38% delle preferenze rappresenta il sogno proibito delle mogli del Belpaese: “Non solo per la prestanza che lo contraddinstinge – ci spiega Silvia78, una delle utenti che ha partecipato al sondaggio – ma soprattutto per la grandissima carica erotica che riesce ad esprime durante le sue performance canore”.

Anche i mariti non sono da meno e puntano tutto sulla giovanissima Annalisa Scarrone. Balzata agli onori della cronaca per la partecipazione, nel 2011, al talent show Amici di Maria De Filippi, la cantautrice ligure conquista il 43%. Il merito pare sia dei suoi occhi da “cerbiatta” che stanno catalizzando l’attenzione di buona parte dei telespettatori e la incoronano “scappatella n°1”.

Ma nelle fantasie delle italiane c’è posto anche per altri concorrenti. All’ultimo posto di questa scottante classifica di gradimento proprio i favoriti Francesco Silvestre (Modà) e Marco Mengoni che con un risicatissimo 6% risultano rispettivamente “poco appetibile” e “pocho macho” per le signore. Ancora un parimerito (13%) per la posizione numero quattro occupata da Max Gazzè e Giovanni Gulino, frontman dei Marta sui Tubi. A Elio, invece, la medaglia di bronzo (18%): “Il suo fascino è frutto del mix tra sarcasmo e autoironia. Dopo tutto, sotto le lenzuola ci piace anche ridere!”, scrive Fenix. Non è un mistero il secondo posto di Daniele Silvestri (26%), già preannunciato dal dilagare di piccanti cinguettii su Twitter accompagnati dall’hastag #silvestrinudo.

A correre per la fascia di vicereginetta della scappatella sanremese, Simona Molinari (21%) che relega al terzo posto della Top5 Chiara Galiazzo (15%). Per una manciata di punti scivola al quinto posto Maria Nazionale (9%) sorpassata da Malika Ayane (12%) che con il nuovo look non convince i mariti di casa nostra: “Troppo bambola, troppo artefatta – dice RedKeys – Decisamente più femminile Maria Nazionale, mediterranea verace!”

Consensi anche per la conduttrice Luciana Littizetto: “E’ una donna interessante e brilla su tutte per la sua intelligenza, è la compagnia ideale per una serata piccante e divertente allo stesso tempo” racconta Patrick81. Male, invece, Fabio Fazio “troppo ingessato” per le mogli d’Italia.


Loading...

Articoli correlati


Amadeus a Domenica In anticipazioni Sanremo 2020 chi saranno le vallette?
Festival di Sanremo
Sanremo 2020 ecco chi condurrà il Dopo Festival di Amadeus
Festival di Sanremo
Amadeus Festival di Sanremo 2020 è stato confermato conduttore e direttore artistico
Festival di Sanremo
Festival di Sanremo 2020 ecco chi sarà il conduttore, spoiler
Festival di Sanremo
Ultimo parla di Sanremo 2019 e del suo scontro con Mahmood e spiega
Musica
Mahmood e la sua confessione tra Salvini e il razzismo
Festival di Sanremo