venerdì 18 Febbraio, 2011

Scarpe scomode o tacchi alti? attenzione alle metatarsalgie, ma una punturina e qualche buchino le faranno scomparire!


Fa freddo e siamo costrette a indossare le cosiddette scarpe chiuse che possono causare sintomi dolorosi e patologie particolari. Con il termine metatarsalgie si indicano una serie di sintomi dolorosi in corrispondenza della pianta del piede che la persona avverte sia quando cammina che quando rimane a lungo in piedi. Tutto questo è legato ad […]



Fa freddo e siamo costrette a indossare le cosiddette scarpe chiuse che possono causare sintomi dolorosi e patologie particolari. Con il termine metatarsalgie si indicano una serie di sintomi dolorosi in corrispondenza della pianta del piede che la persona avverte sia quando cammina che quando rimane a lungo in piedi. Tutto questo è legato ad un sovraccarico delle punte dei piedi, spesso dovuto anche all’utilizzo frequente di tacchi molto alti o scarpe scomode. L’innovativa tecnica percutanea consente però di risolvere per sempre le metatarsalgie e varie patologie dei piedi consentendo l’immediata deambulazione post operatoria.

Le metatarsalgie possono però anche insorgere come localizzazioni ai piedi di malattie di tutto l’organismo, come l’artrite reumatoide o il diabete,
oppure possono essere associate a deformità dei piedi come l’alluce valgo, la fastidiosa deformità del primo dito del piede, e le dita a martello caratterizzate da un aspetto ricurvo delle dita.

La metatarsalgia può essere sia selettiva, quindi specifica in un solo metatarso oppure multipla e quindi interessare più metatarsi. Lo squilibrio della distribuzione del peso del corpo fa sì che esso gravi eccessivamente su alcune teste metatarsali e, visivamente, dà luogo a quella tipica callosità plantare, assai spessa, che si forma nella parte anteriore del piede, al centro della pianta. Scarpe fisiologiche e plantari ortopedici sono utili solo nei casi di lieve e media entità, nei casi gravi si deve necessariamente ricorrere al trattamento chirurgico.

Con una radiografia standard del piede, sotto carico, lo specialista potrà valutare precisamente la disposizione dei cinque metatarsi e quindi suggerirvi il modo migliore per risolvere la disfunzione.

“La tecnica percutanea – spiega il dottor Andrea Bianchi, Chirurgo specializzato in Ortopedia e Traumatologia – permette di curare le metatarsalgie attraverso due o tre micro incisioni di due millimetri sul dorso del piede, attraverso le quali il chirurgo può intervenire effettuando tagli e riallineamenti direttamente sull’osso. Con la deambulazione immediata che segue l’intervento, i metatarsi trovano da soli l’equilibrio e l’assetto corretti. In questo modo le metatarsalgie si risolvono del tutto e circa dopo un mese si possono calzare scarpe normali”.


Loading...

Articoli correlati


Monica di Friends irriconoscibile per colpa del botox ecco com’era
Chirurgia estetica, Donna Vip
Lifting o botulino? Gli strumenti ai quali ricorrere per apparire più giovani
Bellezza donna, Chirurgia estetica
Ecco dei semplici rimedi naturali per combattere la cellulite
Bellezza donna, Chirurgia estetica
Grande Fratello Vip 2017 Giulia e Serena parlano dei loro ritocchini
Bellezza donna, Chirurgia estetica, TV Chic
Baldinini presenta a Milano la collezione autunno inverno
Moda Donna
Scarpe eleganti e femminili per la primavera: la collezione Marco Proietti Design
Accessori, Scarpe chic