mercoledì 15 giugno, 2011

Valencia, manifestazione ciclonudista: una bici e il proprio corpo contro il traffico e lo stato


La Coordinatrice del Collettivo Ciclonudista (CCC) di Aragon (stato Spagnolo), invita a realizzare manifestazioni Ciclonudista nelle città di tutto il mondo, Giugno 2011, come le precedenti realizzate negli ultimi 10 anni nella città di Zaragoza. L’ultima è stata organizzata a Valencia l’11 giugno e il traffico si è bloccato. Obiettivo: Giustizia nelle strade, è questo […]



La Coordinatrice del Collettivo Ciclonudista (CCC) di Aragon (stato Spagnolo), invita a realizzare manifestazioni Ciclonudista nelle città di tutto il mondo, Giugno 2011, come le precedenti realizzate negli ultimi 10 anni nella città di Zaragoza. L’ultima è stata organizzata a Valencia l’11 giugno e il traffico si è bloccato. Obiettivo: Giustizia nelle strade, è questo quello che seriamente chiedono i manifestanti, con ferma convinzione, però anche con allegria, “spassandosela un po’ “. Le macchine impongono la loro legge: velocità, prepotenza, “cattivi fumi”, e violenzia. Per questo spostarsi tutti i giorni in bicicletta per la città, converte il movimento in un atto di disobbedienza quotidiana. Se inoltre si manifesta in bicicletta e nudi la disobbedienza diventa una protesta esemplare.

L’obiettivo è denunciare che le nostre strade sono state sequestrate dalle automobili che collassano le città. Troppi interessi delle multinazionali del petrolio e dell’ automobile si mettono in discussione se solamente si parla di questo. Si propone un modello di città dove le persone possano recuperare il loro spazio, dove si riducano gli spostamenti e si faccia attenzione al pedone (che siamo tutti) e ai mezzi di trasporto meno inquinanti e più efficaci.

Nudi perché le persone si sentono nude di fronte al traffico per la mancanza di rispetto degli autisti e la negligenza dei conducenti. Nude/i si rende visibile la fragilità della propria “carrozzeria” . Inoltre si scopre il corpo con naturalezza rompendo il pudore, smontando i tabù. In definitiva ci si confronta con  il traffico con il corpo nudo e con la bicicletta come migliore forma di difesa della dignità.


Articoli correlati


Vogue Fashion’s Night Out tutto pronto con la borsa giusta
Eventi
Julia Roberts per la collezione collant di Calzedonia
Eventi
Il grande successo di Riccardo Marcuzzo vincitore di Amici sembra non finire mai
Eventi
Eletta a Torrre del Lago Miss Gayà 2017 la 23enne Silvia Di Lorenzo
Eventi
Tiffany & Co apre la sua boutique a Milano che si affaccia su Piazza Duomo
Eventi
Desirèe Popper insieme al CHI Summer tour estate 2017
Eventi


Idee per lo Shopping


Sull’e-shop Gama arriva il Black Friday per la nuova linea 4D Therapy capelli perfetti sempre!
Bellezza donna, Shopping
Regali per lei chic, ecco i nostri consigli per acquistare i prodotti giusti
Shopping
L’amico PAY PER DRIVE, il primo finanziamento on demand
Shopping