venerdì 31 ottobre, 2014

Intervista a Fabrizio Corona: “Sto male. Non ce la faccio più. Chiederò la grazia per vedere mio figlio.”


Ieri sera, durante la puntata del programma “Virus – Il Contagio delle Idee” su Rai 2, è stata trasmessa l‘intervista esclusiva a Fabrizio Corona, direttamente dal carcere di massima sicurezza di Opera. L’agente fotografico ha parlato della sua vita in carcere e ha ammesso di stare molto male. Ecco le sue parole: “Oggi non sto […]


fabrizio-corona

Ieri sera, durante la puntata del programma “Virus – Il Contagio delle Idee” su Rai 2, è stata trasmessa l‘intervista esclusiva a Fabrizio Corona, direttamente dal carcere di massima sicurezza di Opera. L’agente fotografico ha parlato della sua vita in carcere e ha ammesso di stare molto male.

Ecco le sue parole:

“Oggi non sto più bene, non ce la faccio più, non riesco a star su, sono crollato. All’inizio cercavo di fare ogni cosa possibile, ho aperto un portale per detenuti, un sito web delle carceri, portavo il vitto ai detenuti, ma ormai niente, niente di tutto ciò, non esco più dalla cella, non vado all’ora d’aria da 3 mesi, nemmeno più in palestra, sono molto dimagrito, la rabbia è diventata dolore, la voglia di fare è diventata riflessione, la voglia di combattere è diventata ricerca di giustizia. Leggo, scrivo e penso di continuo. Sa che significa stare 24 ore al giorno chiuso in una cella di tre metri quadrati con un’altra persona? Nemmeno dalla finestra si vede niente, la grata è troppo fitta. Mentre la tv parla di un mondo che cambia sempre più veloce e che io già non conosco più. E’ cambiato tutto. Io non avevo mai messo in conto sul serio di poter finire in carcere. Ho sempre agito con la convinzione di non fare alcun reato. Non ho mai pensato che i miei comportamenti erano contro la legge. Malgrado ciò, per un anno e mezzo, sono andato avanti, rispettando tutte le regole durissime di quest’istituto, convinto di poter accedere presto, secondo la legge, ai benefici carcerari. Quando, invece, è stata rigettata la mia istanza per l’affidamento terapeutico, ho scoperto di avere un’aggravante cioè il reato ostativo come se fossi un boss mafioso e che quindi non posso curarmi e proseguire il mio percorso riabilitativo, sono caduto in un malessere da cui non riesco a riprendermi. Sto male. Non mi vergogno a dirlo. Non ho più paura di far sapere chi sono veramente. Il carcere mi sta mangiando vivo.”

Corona è stato condannato per l’estorsione al calciatore David Trezeguet, ma quest’ultimo è recentemente apparso in televisione per scagionarlo:

“Appena ho sentito Trezeguet che pronunciava quelle parole di fronte a milioni di persone in televisione, ho provato un istante di felicità ma subito dopo, guardandomi intorno, sono stato riassalito da tristezza e sconforto, io oggi se non avessi quella condanna, non starei in galera. Trezeguet ha solo ripetuto le stesse parole riportate negli atti e pronunciate agli inquirenti nei vari interrogatori. Infatti, il gup mi aveva prosciolto nell’udienza preliminare. Certo, sentire le sue parole in tv rende tutto ancora più assurdo: un estorto che scagiona l’estorsore minaccioso e che usa metodi mafiosi, che però la vittima nega di aver subito, è veramente strano. Curioso, assolutamente folle. Come folle, è aver condannato a 8 mesi il fotografo per aver fotografato David Trezeguet in mezzo alla strada, come fanno ogni giorno milioni di paparazzi di tutto il mondo che ovviamente non vengono condannati a nessuna pena perché stanno facendo semplicemente il loro lavoro. Ma oggi devo solo pensare a come riprendere in mano la mia vita e a come tornare da mio figlio.”

Fabrizio nel corso dell’intervista ha confermato di voler chiedere al Presidente della Repubblica la grazia ma di voler, in ogni caso, scontare la sua pena:

“Chiederò la grazia. Solo per rivedere mio figlio. Ma la chiederò. Io non voglio scappare dalla mia pena, io non voglio farla franca, io voglio scontare e pagare la mia condanna. Chiedo solo aiuto per poter superare quel tecnicismo giuridico della mia condanna di Torino, quella di Trezeguet, che essendo qualificata come estorsione aggravata, impedisce al tribunale di sorveglianza di potermi concedere, come già hanno richiesto gli operatori sanitari del mio carcere, l’affidamento terapeutico e poter così proseguire quel percorso di cura e di grande evoluzione di cui oggi ho fortemente bisogno. Non chiedo impunità. Chiedo di poter scontare quello che ho fatto senza essere paragonato ad un mafioso.”

Fonte| gossipblog.it

Photo| ilmondodellatv.blogspot.com


Articoli correlati


Anche Rosa Perrotta di Uomini e donne molestata, le sue dichiarazioni da Giletti
Attualità
Carolyn Smith a Domenica Live dalla D’Urso parla del tumore al seno e presenta il suo libro
Attualità, Donna Vip
Kate Middleton di nuovo in pubblico col pancino per il suo terzo figlio
Attualità, Mamme, Stile
Parigi dice NO alla violenza sulle donne con una manifestazione
Attualità
Madonna con Leonardo di Caprio per la salute della terra
Attualità
Creami Revolution la nuova offerta vantaggiosa per tutta la famiglia di PosteMobile
Attualità


Idee per lo Shopping


Sull’e-shop Gama arriva il Black Friday per la nuova linea 4D Therapy capelli perfetti sempre!
Bellezza donna, Shopping
Regali per lei chic, ecco i nostri consigli per acquistare i prodotti giusti
Shopping
L’amico PAY PER DRIVE, il primo finanziamento on demand
Shopping