lunedì 15 settembre, 2014

Wind: a volte, per comunicare davvero, la tecnologia non è tutto


Ormai è innegabile e se ne sente parlare ovunque, la tecnologia ci ha avvicinato; comunicare sta diventando sempre più semplice e veloce. È altrettanto innegabile, però, che ci sono occasioni in cui gli uomini hanno e avranno sempre bisogno di incontrarsi e comunicare l’uno di fronte all’altro. A volte, per comunicare davvero, la tecnologia non […]


wind-video
Ormai è innegabile e se ne sente parlare ovunque, la tecnologia ci ha avvicinato; comunicare sta diventando sempre più semplice e veloce. È altrettanto innegabile, però, che ci sono occasioni in cui gli uomini hanno e avranno sempre bisogno di incontrarsi e comunicare l’uno di fronte all’altro.

A volte, per comunicare davvero, la tecnologia non è tutto, non è abbastanza. Un grande brand come Wind lo sa benissimo e non può che rispettare questa esigenza. Per questo invita tutti a stare più vicini, ammettendo che la tecnologia è potente ma non onnipotente: ci sono cose che non si possono dire per telefono, attraverso uno schermo, o con una mail.

Dopo aver parlato di trasparenza, chiarezza e semplicità, Wind compie un altro passo con la vicinanza e lo fa producendo un piccolo e unico pezzo di cinema, un fantastico cortometraggio destinato a un campo di battaglia molto particolare, ampio e variegato: il web. L’ambizione infatti era quella di proporre una narrazione che non si imponesse ma si facesse scegliere, creasse intrattenimento, e la rete si è rilevata l’ospite più adatto.

Il cortometraggio è incentrato sul rapporto tra un figlio, ormai adulto, e suo padre. Ricordi legati all’infanzia e all’adolescenza, ai momenti trascorsi con il padre, spingono l’uomo a cercare un contatto; non si accontenta però del semplice messaggio o della telefonata, ha bisogno di un contatto più autentico, vero. Decide dunque di tornare in quei luoghi per ritrovarlo, riabbracciarlo.
Il messaggio con cui si chiude il video è emblematico e racchiude perfettamente il messaggio che Wind vuole trasmetterci: “A volte, per comunicare davvero, la tecnologia non è tutto.”

Il regista del fantastico e toccante cortometraggio è Giuseppe Capotondi, che comincia la sua carriera come fotografo per poi passare alla regia. Ha girato videoclip per numerosi artisti internazionali, tra i quali Skunk Anansie, Natalie Imbruglia, Keane e Outkast.

Wind
Dal 2011 Wind fa parte del gruppo VimpelCom, uno dei principali operatori di telecomunicazioni integrati, a livello mondiale, che fornisce servizi voce e dati, attraverso una serie di tecnologie mobili e fisse tradizionali e a banda larga.
A dicembre 2013 Wind si è confermato il terzo operatore mobile italiano con 22,3 milioni di clienti e il primo operatore alternativo di telefonia fissa in Italia con 3 milioni di clienti di cui 2,2 milioni clienti broadband.
Per Wind questo è il momento ideale per superare la logica del “value for money” e proporsi in modo nuovo, andando oltre la semplice offerta di prodotti e servizi, e proponendosi come smart choice e come brand sempre più vicino ai propri clienti.


Articoli correlati


Le cover preferite per il vostro smartphone sono quelle con gli animali
Gadget e Tech
Vi piace il rosso? Ecco lo smartphone HTC 10
Gadget e Tech
Pokemon Go, Telefono Azzurro: attenzione ai rischi per bambini e adolescenti
Attualità
Questa estate vesti Made in Italy con le cover estive Rosso Garibaldi
Gadget e Tech
Deezer finalmente per Apple Watch, arriva al Momento Giusto
Gadget e Tech
Sopravvissuto -The Martian una GoPRo per un film da Oscar!
Gadget e Tech


Idee per lo Shopping


Sull’e-shop Gama arriva il Black Friday per la nuova linea 4D Therapy capelli perfetti sempre!
Bellezza donna, Shopping
Regali per lei chic, ecco i nostri consigli per acquistare i prodotti giusti
Shopping
L’amico PAY PER DRIVE, il primo finanziamento on demand
Shopping